BENE

La prima volta che ascoltai questa canzone avevo quasi 16 anni. Il mio ragazzo aveva la mia stessa età ed eravamo compagni di banco al liceo. Siamo stati insieme per 8 anni. All’epoca questo era il suo brano preferito. Oggi non saprei. Musicista, lo suonava e cantava con indubbio talento interpretativo. Io amavo lui e continuo ad amare “Bene”.   … Continua a leggere

vacanze romane – II parte

Sveglia che suona presto. Corrispondenza con il Prete smemorato per l’appuntamento del pranzo. In 2 un bagno solo. Caffè e sigarette e biscotti e pace. Quello che abbiamo scoperto io e Cloe fin dal primo momento è che non avevamo bisogno di riempire il silenzio con parole inutili. Immensa libertà e segno di forte intimità. Sms di Robby “sono quasi … Continua a leggere

vacanze romane – I parte

  E’ giovedì. Sveglia alle 8 come al solito. Triplo caffè e tripla sigaretta, doccia, parrucchiere e traffico sul lungotevere…merda…non riuscirò ad arrivare in tempo! Ed invece…le macchine si diradano e raggiungo Fiumicino (terminal A, arrivi nazionali) in 30 minuti. Parcheggio con fortuna inaspettata giusto di fronte all’entrata. Voglio aspettare il mio gigante alla barriera oltre la quale parenti ed … Continua a leggere

“Un guanto” di Francesco De Gregori feat. Max Klinger

Un guanto precipitò da una mano desiderata a toccare il pavimento del mondo in una pista affollata…    …un gentiluomo, un infedele lo seguì con lo sguardo e stava quasi per raggiungerlo ma già troppo in ritardo e stava quasi per raggiungerlo ma troppo in ritardo. Era scomparsa quella mano e tutta la compagnia e chissà se era mai esistita … Continua a leggere

pranzo domenicale

Oggi, ora di pranzo. Spalanco lo sportello del frigorifero in cerca di qualcosa che possa soddisfare l’animale che dentro di me ruggisce (o forse miagola?) per la fame e mi imbarazzo. Come posso essere così insensatamente priva di qualunque organizzazione? Descrivo: due bottiglie di vino bianco dal nome, per Cloe, impronunciabile, una di mirto, una di limoncello (fatto in casa … Continua a leggere

musica silenziosa

Ho spento il mio blog. Oui ma chérie l’ho fatto per te…ma anche per sano egoismo. Leggevo ascoltando la musica che Bill ha voluto per la sua “attesa” la quale, incrociata al mio “bang, bang”, creava una joint venture raccapricciante e stridula. Ho scelto… Bill. Ho deciso che volevo scoprire cosa poteva succedere lasciando che i miei sensi venissero avvolti … Continua a leggere

cioccolato al peperoncino – …

Mi ha chiamato. Lui che non c’è mai eppure c’è sempre. Ogni notte. Ogni sogno. Ogni risveglio. Lui che dice di volermi e rimane immobile come una statua di cera. Mi ha chiamato per dirmi che gli manco. Io lontana ore e giorni dall’ultima volta che ci siamo visti…gli manco. “Ti desidero…vorrei vivere questa prossima notte insieme a te…ti amerei … Continua a leggere